PROVERBI DIALETTALI SUI MESI   

 

Gennaio

SCINNAR’ SICCH’ MASSAR’ RICCH’

Se a Gennaio farà freddo secco, il contadino si arricchirà

A SANT’ANTUON’ MASCH’R’ e SUON’

Il 17 gennaio, maschere e suoni, perché comincia carnevale

 Febbraio

F’BBRAR’ CURT e AMAR’

(Febbraio corto e duro)  

A LA CANN’LORA,  A V’RNATA E’ FORA

Il giorno della Candelora l’inverno è finito

 Marzo

MARZ’ ASSUTT’ GRAN’ P’ TUTT’

Marzo non piovoso grano abbondante per tutti

TANT’ POZZ’ DURA’ U MAL,  QUANN’ DUR’ A NEV’ D’ MARZ’

La malattia possa durare tanto quanto la neve a marzo, cioè poco

Aprile

APRIL’ CHIOVA CHIOVA

In aprile occorre pioggia frequente

ACQUA d’APRIL’, OGNI STIZZ’ NU VARRIL’

La pioggia d’aprile vale un barile per ogni goccia

maggio

MAGG’ UN’ E BON’

A maggio occorre una sola pioggia ma abbondante

Giugno

A SANT’ANTONIJ’ OGNI GALLIN’ FACE L’OV’

A giugno ogni gallina fa l’uovo: tutto porta i frutti

L’ACQUA D’ GIUGN’, ARRUIN’ U MUNN’

La pioggia a giugno rovina il mondo (il raccolto)

luglio

LUGLI’ ENGH’ I CASC’

Luglio riempie le casse (di grano)

Agosto

AGUST’ CAP’ D’ VIERN’

Agosto capo d’inverno l’estate è finita)

ACQU’ D’AGUST’, GHIANN’,MEL’, e MUST’

(Pioggia ad Agosto ghiande, miele e vino in abbondanza)  

settembre

S’TTIEMBR’ E’ CUM’ A CASTAGN’

SetSettembre è come la castagna, buono fuori e fradicia dentro

Ottobre

OTTOBBR’ CHIUVUS’, GREGN’  PRUSP’R’ SA

Ottobre piovoso, grano abbondante

Novembre

SANTU MARTIN’ M’N’STR’ E CUCIN’

A novembre i pasti a breve distanza perché i giorni sono corti

Dicembre

SA  A SANTA LUCJ’ OGN JURN’ NU PASS’ D’ GALLIN’

D    dal giorno di Santa Lucia i giorni si allungano lentamente

       A SANTA CATARIN’ CAL’ L’UOGL’ A L’ ULIV’

       Il giorno di santa Caterina le olive vanno raccolte

NATAL’ SENZA DINAR’

Il mese di dicembre non porta denaro, sia perché non si racco­glie nulla e sia perché le feste comportano spese

 

HOME